Revisione carburatore – Parte I – apertura scatola e filtro aria

 

Una mattina di qualche giorno fa, come tutte le mattine,  entro nel box molto presto per prendere l’auto.

Apro l’auto e nell’istante in cui sto chiudendo la porteria guardo la mia vespa px e il mio sguardo cade su:

Momento di sgomento…. riflessione….calma…razionalità….non è nulla di grave.

Un profondo respiro e torno lucido… no ancora un attimo:

Ok ora va meglio!

Per prima cosa controllo che roba è perchè il colore non mi convince , sembra verde, per cui mi affaccio sotto al carter e vedo questo.

E’ proprio verde! L’olio della miscela? No è giallo paglierino! L’olio del cambio? No è giallo scuro.

Ma che diavolo può essere? O è passato Hulk e si è ferito sotto al carter o quella che vedo è benzina! La saracinesca del box non è stata divelta quindi escludo Hulk.

Tolgo la chiappa della vespa e seguo il trafilaggio della benzina, partendo dal basso e giungengo fino alla parte inferiore del carburatore. La benzina quindi gocciola via dal carburatore e con ogni probabilità c’è da sostituire lo spillo conico che, mosso dal galleggiante, chiude l’afflusso di benzina nella vaschetta  del carburatore.

So già quindi che sarà necessaria un’intera revisione al carburatore poichè per arrivare ad estrarre lo spillo conico dovrò smontare tutto, estraendo il carburatore stesso dalla sua sede nella scatola.

Al Piaggio center mi sono procurato lo spillo conico nuovo di sezione quadrata e con punta rossa (2 euro) e già che c’ero ho acquistato l’intero kit di guarnizioni per il carburatore compresa la guarnizione da interporre fra il carburatore e la sua scatola (8 euro).

Per me sarà la prima volta che farò un intervento simile alla mia vespa, ma l’idea di aggiustarmela da solo mi gasa e se penso che mi è costato solo 10 euro sono ancora più motivato!

 Non ho attrezzi professionali e non ho strumenti che mi permettano di lavorare comodo, ho messo un cartone per terra, ho poggiato su di esso tutti i miei ferri del mestiere, stracci vari, giornali vecchi, fotocamera digitale e sempre vicino a me la guida stampata  sulla revisione del carburatore scritta da Neropongo (Grazie)

 

Armato di un lungo giravite a croce ho estratto le due viti che chiudono il coperchio alla scatola del carburatore; solamente quelle due viti lo trattengono per cui una volta svitate il coperchio è libero, la resistenza che oppone a venir via è solamente dovuta alla guarnizione della scatola, l’ho sfilato con poca forza delle mani tranquillamente. La vite centrale zigrinata con la testa a incisa a taglio è la vite per la regolazione del minimo e non va tolta nè girata, essa passa attraverso il coperchio della scatola del carburatore senza ostacoli che oppongono resistenza.

 

 Sfilato via il coperchio trovo immediatamente il filtro aria. L’aria necessaria alla combustione entra dalla presa aria che sta sotto la sella, collegata alla scatola del carburatore tramite una  cuffia di gomma di forma tipo " a fisarmonica", l’aria entrata nella scatola viene quindi filtrata prima di entrare nel cilindro.

 E’ importante quindi che il filtro aria sia pulito e libero dalle impurità che potrebbero ostacolare il risucchio di aria fresca con la conseguenza di avere una carburazione grassa fino al punto che il motore "affoghi".

Passo quindi ad estrarre il filtro aria dalla sua sede con un giravite a taglio. Così come per la scatola anche per l’estrazione del filtro aria non è stato necessario toccare la vite di regolazione del minimo. Mi è bastato svitare le due viti a taglio e il filtro è venuto via.

 Per pulire il filtro dalle sue impurità mi è bastato usare una bomboletta di aria compressa per la pulizia dei computer che ha soffiato via parecchio sporco (non ho il compressore).

Nel prossimo articolo descriverò come ho estratto il carburatore dalla sua sede …….

…..to be continued……

11 commenti »

  1. avatar
    lmoscatiello ha scritto:
    dicembre 5th, 2008 at 12:36
    comment-top

    Ottimo, ma non farci stare sulle spine.

      (Quote)

    comment-bottom
  2. avatar
    ANNISETTANTA ha scritto:
    dicembre 5th, 2008 at 14:00
    comment-top

    ottima cosa

      (Quote)

    comment-bottom
  3. avatar
    corona68@hotmail.it ha scritto:
    gennaio 25th, 2009 at 11:57
    comment-top

    ciao raga volevo sapere un po come cambiare calotte alla mia vespa, sopra e sotto grazie alla prossima

      (Quote)

    comment-bottom
  4. avatar comment-top

    Che intendi con calotte?
    Quali parti vorresti sostituire?

      (Quote)

    comment-bottom
  5. avatar
    corona68@hotmail.it ha scritto:
    gennaio 26th, 2009 at 22:40
    comment-top

    intendo i cuscinetti di sterzo .per farti capire meglio quando freno mi fa rumore lo sterzo.

      (Quote)

    comment-bottom
  6. avatar
    corridoi ha scritto:
    maggio 6th, 2009 at 23:39
    comment-top

    Ciao Alex, anch’io mi appresto a revisionare il carb della mia P200E, ho letto tutte le guide del caso e devo dire che nella tua ho trovato alcuni particolari che altrove non c’erano. Complimenti!
    Ora ho una domanda: ho comprato il kit guarnizioni della dell’orto ma non c’è quella più grande di carta visibile nella foto che hai caricato. E’ quella la guarnizione tra vaschetta e carb? Si compra a parte?
    Grazie
    Francesco

      (Quote)

    comment-bottom
  7. avatar comment-top

    Ciao Corridoi.
    Sì, la guarnizione che va tra vaschetta e carburatore si compra a parte, non è inclusa nel kit guarnizioni.
    Facci sapere come andrà la tua revisione al 200!

      (Quote)

    comment-bottom
  8. avatar
    gian ha scritto:
    novembre 6th, 2009 at 14:39
    comment-top

    dopo aver coricato il mio px 150 su un fianco per sostituire il cavo frizione il motore non gira piu bene, fa fatica aa partire e fa fumo …qualke vespaista bravo sa aiuitarmi …e per regolare la mandata d’aria di lato sul carburatore come si può intervenire? ho provato con una chiave del 7 ma non ci riesco…sono disperato

      (Quote)

    comment-bottom
  9. avatar
    zonarossa ha scritto:
    novembre 8th, 2009 at 21:33
    comment-top

    Caro gian molto probabilmente si è bloccato il galleggiante nel carburatore provocando il riempimento della vaschetta dello stesso facendo riempire il carter motore di benzina.In questo caso sarà sufficiente smontare il corpo porta-spillo del carburatore e sbloccare eventualmente il galleggiante.

      (Quote)

    comment-bottom
  10. avatar
    Bruno Gelain ha scritto:
    luglio 18th, 2010 at 15:31
    comment-top

    Ciao. Nonostante la mia ….”verde” età (64), pur con tanta passione per la Vespa, devo ammettere di avere imparato tantissimo da te, dal tuo sito e dalle belle foto e descrizioni illustrative sul carburatore. Io possiedo una Vespa PX150 E e i piacerebbe tanto poter fare manutenzione senza andare dal meccanico ad ogni colpo di tosse del motore, e spendere soldi che non ho.
    Credo che il carburatore abbia bisogno di qualcosa: quando accelero, invece di sentire riprendere in velocità, sembra invece che rallenti, poi se mollo rilascio un pò il gas sembra riprendersi.
    Cosa sarà? La La vespa ha circa 60.000 km e non ho mai fatto niente al motore.
    Apprezzerò ogni tuo consiglio. Grazie di cuore
    Bruno Gelain-Verona

      (Quote)

    comment-bottom
  11. avatar comment-top

    Ciao Bruno, grazie per i complimenti… te li ricambio tutti considerata la tua passione “verde” per la Vespa.
    Con questo caldo fuori dalla norma molte carburazioni stanno “sballando”, per cui se prima di quest’afa la Vespa andava bene non starei a preoccuparmi più del dovuto.
    Ad ogni modo, con l’ausilio di un compressore dai una bella soffiata ai getti del massimo e del minimo, dopo averli ovviamente estratti (si svitano) dal carburatore. Se non hai un compressore puoi usare una bomboletta di aria compressa o in alternativa portare i getti dal gommista/benzinaio e soffiarli, avendo cura di tenerli puliti fino al loro rimontaggio.
    Se la tua Vespa monta un motore …diciamo così… pepato… sarebbe il caso di adeguare la candela, sostituendola con una che abbia le medesime caratteristiche ma che sia un punto più fredda… quando le temperature scenderanno rimetterai la vecchia.
    Presumo che il tuo problema di erogazione possa essere risolto soffiando (quindi pulendo) il getto del minimo o (se hai perdite quando la vespa è ferma) con la sostituzione dello spillo conico…. Con una revisione completa, tagli la testa al toro.
    Fammi sapere… Alex

      (Quote)

    comment-bottom

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

Lascia un commento

*